• Cinque per mille

    Quest'anno un motivo in più per versare il tuo cinque per mille alle Voci di mezzo, il codice fiscale dell'associazione è: 97456710157.
    Grazie!

  • Accessi

  • Newsletter

InCantiere: alla scoperta del canto popolare all’Arci Corvetto

Il programma:

giovedì 4 ottobre E non mai più la guerra – incontro con Cesare Bermani e Antonella De Palma – canta il Gpr (Associazione culturale Voci di mezzo)

 

lunedì 8 ottobre – Alla scoperta del canto sardo parte prima – Pino Martini Obinu

lunedì 15 ottobre – Canti di salina parte prima – Silvia Rusignuolo

lunedì 22 ottobre – Canti di salina parte seconda – Camilla Caparrini

lunedì 29 ottobre – Voci di miniera parte prima – Silvia Rusignuolo

lunedì 5 novembre – Alla scoperta del canto sardo parte seconda – Pino Martini Obinu

lunedì 12 novembre – Canti di donne, di lavoro e di lotta – Livia Brambilla

lunedì 19 novembre – Tra sacro e profano parte prima – Silvia Rusignuolo

lunedì 26 novembre – Voci di miniera parte seconda – Camilla Caparrini

lunedì 3 dicembre – Siam sicuri di saperli? Il Galeone e Morti di Reggio Emilia – Livia Brambilla

lunedì 10 dicembre – Tra sacro e profano parte seconda – Camilla Caparrini

abbonamento ai dieci incontri 120 euro; singolo incontro 15 euro
per info e iscrizioni: infovoci@gmail.com

Voci di miniera
Canti di lavoro, di lotta e di migrazione, che danno voce alla fatica di chi si inoltrava nelle viscere della terra ma anche all’orgoglio dell’appartenenza alla propria categoria. Il rischio della vita, la denuncia sociale e politica, il dolore di chi resta.

Canti di salina
Durante la raccolta del sale il canto scandiva i ritmi del lavoro consentendo al tempo stesso ai salinari di contare la quantità di sale raccolta. Esso veniva generalmente intonato da chi teneva la conta sulle misure in legno, ma era eseguito anche da uno degli operai. Anche sulle vie del sale il canto migra e valica i confini degli Stati.

Tra sacro e profano
Il mondo popolare celebra anche cantando spirito e materia in un tutt’uno. Non sempre questo repertorio in Italia è accolto dalla Chiesa, ma si tramanda fuori dai luoghi ufficialmente sacri, per accompagnare i principali riti religiosi e lo scorrere delle stagioni.

Alla scoperta del canto sardo
Il mondo del canto sardo è vasto e variegato. Nelle due serate dedicate partiamo da Sa Cotzula e ci addentriamo in “su zilleri” (la bettola), in mezzo ai canti burleschi e talvolta volgari degli avventori. E poi Unu Ballu cantau: un canto a ballo della Barbagia “unu Dillu” o Ballo zoppo, in due quarti.

Canti di donne, di lavoro e di lotta
Le donne hanno un ruolo spesso da protagoniste nel canto popolare e non solo nei canti d’amore. Cantavano le mondine, cantavano le staffette partigiane, cantavano le tessitrici di juta, le filandere, le lavandaie. Raccontando le loro fatiche e rivendicando i loro diritti.

Siam sicuri di saperli? Il Galeone e Morti di Reggio Emilia
Due grandi classici del canto popolare e sociale che… si pensa sempre di conoscere a menadito. E invece, alla prova dei fatti… com’è che fa la mia voce? E il ritmo? Le pause? I respiri? Un bel ripasso per chi crede di saperli, una scoperta per chi si avvicina al canto popolare.


Chi siamo

Livia Brambilla
Cresciuta in una famiglia musicale, fa del canto una semi-professione fin dagli anni di scuola e parallelamente inizia a studiare canto e violino in modo amatoriale. Dopo un’adolescenza sperimentale in gruppi di generi vari, approda all’associazione Voci di Mezzo e lì ritrova e sistematizza quanto appreso a orecchio fino ad allora sul repertorio popolare. Da quel momento il canto armonizzato diventa, oltre che intima goduria, uno strumento di approfondimento di temi umani e politici, veicolo di condivisione e confronto, ribaltamento delle prospettive. Con il canto guida gruppi di bambini di varie età, migranti che imparano italiano, persone con disagio psichico, detenute e detenuti. Fa parte della formazione in continuo divenire dei CantaRei.

Camilla Caparrini
Sin da piccola canta in formazioni corali di vario genere esibendosi sia in italia e all’estero. L’arrivo a Milano dalla Toscana coincide con la scoperta del canto popolare che da semplice passione diventa oggetto di studio e ricerca. Entra a far parte del GPR delle Voci di Mezzo e a tenere corsi e seminari sui canti polifonici della tradizione orale.

Pino Martini Obinu
Nato a Carbonia, passa l’infanzia a Paulilatino e Oristano accanto al nonno, Giuseppe Obinu, noto Mussennore (il suonatore ufficiale di ballo sardo di Paulilatino) e al padre Ugo, suonatore di ballo civile. Nonostante la poliedrica attività artistica, non ha mai abbandonato lo studio e la pratica della musica e della poesia della sua terra. La sua ricerca si basa su una conoscenza attenta e profonda dei materiali musicali sardi, grazie allo studio dei maestri della tradizione e all’utilizzo delle “memorie” degli anziani. Ha tenuto numerosi corsi di canto sardo e partecipato a convegni e dibattiti su temi relativi a parole-musica-lingue-vocalità e alla possibilità di un’evoluzione della musica tradizionale popolare.

Silvia Rusignuolo
Formazione in intercultura, pedagogia, danzamovimentoterapia. Conduce laboratori espressivi per bambini e adulti. La musica è per lungo tempo una passione intima. Dopo aver studiato il pianoforte, assaggiato la chitarra e la fisarmonica, si accorge di coltivare il canto da anni: da sola, in due, in gruppo; scopre per gioco la musica di tradizione orale. Ne approfondisce studio e conoscenza con le Voci di Mezzo, con i Cantarei e attraverso l’incontro con formatori di differenti provenienze. La direzione di ricerca è adesso quella di esplorare la relazione fra corpo e voce, suono e movimento.

Le Giagià
Ovvero Anna Giansiracusa e Silvia Giacomini, due Voci di mezzo innamorate del canto popolare. Non lo sanno insegnare, ma sanno scovare gli ospiti giusti per impararlo, cantarlo, sentirlo raccontare.



  • cerca per categoria

  • Corsi di canto e seminari

    Dal 2 ottobre 2018, ogni martedì alle 19.30, ricomincia all’Arci Scighera il corso di canto popolare delle Voci di mezzo.

    Dall’8 ottobre, ogni lunedì alle 20.30, all’Arci Corvetto una novità: le serate di InCantiere: per cantare popolare con serate a tema.

    Iscrivetevi alla newsletter per tutte le informazioni sulle attività delle Voci di mezzo.